.
Annunci online

rizzocitizen
... POTERE AL POPOLO ...
SOCIETA'
14 aprile 2009
Mini-inchiesta sui poteri occulti e sul complottismo



Un viaggio all'interno di un mondo affascinante ed insidioso. Un pianeta oscuro, abitato da visionari e gente razionalmente informata. Lo si attraversa indenni solo se si è lettori consapevoli, non facilmente impressionabili. E' difficile infatti non farsi plagiare da falsi ciarlatani. E' altrettanto difficile riuscire a  credere alle verità diverse da quelle ufficiali, così inverosimili e però maledettamente documentate e quindi plausibili.
Per tutti quelli che pensano che "a pensare male è peccato, ma spesso ci si azzecca!!"
Un viaggio all'interno di un mondo irreale, ambientato nella realtà!!!!!

Si legge su Wikipedia:
Una teoria del complotto è una teoria che attribuisce la causa ultima di un evento o di una catena di eventi (in genere politici, sociali o talvolta anche naturali) ad un complotto o cospirazione. Il termine include un'ampia classe di teorie, che abbracciano una grande varietà di ambiti, con un'ampia gamma di plausibilità, che va da teorie riconosciute attendibili e dimostratesi fondate a teorie estreme ed improbabili, accomunate dall'attribuire un evento all'azione di cospiratori che perseguono fini propri, rimanendo nell'ombra e offrendone spesso una ricostruzione artefatta.
Il termine complottismo viene usato per designare, generalmente in senso dispregiativo, il punto di vista di chi crede alle più svariate teorie del complotto in modo acritico e fideistico e senza sentire ragioni di sorta, per sottolineare l'aspetto maniacale e paranoico che avrebbe tale atteggiamento mentale.
Dietrologia è invece un termine coniato in Italia negli anni settanta in ambito politico e in senso polemico per indicare chi ritiene che un evento sia dovuto a cause diverse da quelle manifeste o conosciute, collegabili a trame oscure, presumendo di conoscere e poter rivelare quello che si nasconde "dietro" la facciata ufficiale degli avvenimenti storici. Il punto cardine dei dietrologi è la domanda "a chi giova" un determinato fatto, sottintendendo l'ipotesi che tale avvenimento potrebbe essere stato provocato ad arte.
La parola "cospirazione" deriva dal latino conspirare ("respirare assieme"), e nell'uso contemporaneo indica una situazione dove due o più persone si accordano per compiere un atto illegale o immorale. Le componenti essenziali sono il coinvolgimento di almeno due persone, la segretezza e l'intento malizioso.Tali cospirazioni sono considerate crimini nella maggior parte degli Stati e, come tali, possono essere perseguite in quanto finalizzate a commettere un atto illegale; le persone coinvolte possono essere indagate come facenti parte di una struttura criminosa, o anche, talvolta, per essere semplicemente a conoscenza della cospirazione e non aver agito per opporvisi. Gli storici generalmente usano il termine cospirazione per indicare una cospirazione reale e provata o, quanto meno, seriamente plausibile e con alcuni solidi elementi a supporto.Il termine "teoria del complotto" viene invece usato, in ambito sociologico, per indicare le cospirazioni solo presunte ma non dimostrate da alcunché. A volte però l'etichetta di "teoria del complotto" è stata utilizzata per squalificare, schernire e denigrare il dissenso politico o sociale, ad esempio quando una potente figura pubblica viene accusata di corruzione.La ridicolizzazione sistematica delle persone, accompagnata da compiacenti diagnosi di schizofrenia è stata largamente impiegata al fine di mettere a tacere il dissenso politico, ad esempio in Unione sovietica (si veda: Antipsichiatria).
È tuttavia molto improbabile che tutte le cospirazioni immaginate siano vere contemporaneamente, anche perché spesso esistono teorie molto diverse su di uno stesso fatto, nessuna con prove decisive a sostegno.
Teorie del complotto sono emerse in correlazione a diversi ambiti, vediamone alcune:

-  Gli assassinii sono un soggetto classico della teoria del complotto. Alcune persone sono portate a chiedersi, dell'assassinio, «Chi ha beneficiato di questa morte?» Anche se alcuni assassinii sono commessi da individui squilibrati, e molti altri, in effetti, da governi  e altri ancora sono stati compiuti come risultato di una cospirazione dimostrata, ci sono diversi assassinii in cui le motivazioni e le prove non risultano credibili per l'opinione pubblica, dando adito a forti sospetti su quali siano i fatti realmente accaduti.Tra i più noti tra quelli che fanno capo ad una teoria del complotto troviamo una serie di morti con possibili moventi politici, avvenute negli USA nel corso degli anni sessanta, soprattutto quelle del presidente John F. Kennedy, di suo fratello il senatore Robert F. Kennedy, e del leader dei diritti civili Martin Luther King jr. Tra i casi italiani più noti abbiamo quello riguardante l'incidente aereo in cui perse la vita Enrico Mattei, presidente dell'ENI e il caso controverso e ben poco chiaro della morte del banchiere Roberto Calvi (trovato impiccato sotto il ponte dei frati neri a Londra). Anche l'assassinio di Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse dopo una lunga prigionia ha sollevato spinose domande, alle quali i terroristi arrestati non avrebbero mai risposto in modo completo ed esauriente. Dietro alle brigate rosse ci sarebbe stato in realtà un interesse internazionale teso ad impedire l' entrata nel governo italiano del PCI. Affascinanti sono anche le teorie degli omicidi massonici (vedi ad esempio la morte di Rino Gaetano, Pantani ed altri).
-  L'antisemitismo ha generato numerose teorie del complotto. Quasi tutte sono fondate sull'accusa generica e sommariamente lanciata contro gli Ebrei di praticare l'usura. Tali teorie sostengono che gli Ebrei avrebbero storicamente lucrato sui prestiti e applicato interessi elevati ai non-ebrei, aumentando in tal modo la loro ricchezza e il loro potere. Dopo gli attentati del 2001 contro le Torri Gemelle si è diffusa la teoria che gli ebrei che lavoravano al World Trade Center sarebbero rimasti a casa la mattina dell'11 settembre, informati preventivamente dell'attacco terroristico dal servizio segreto israeliano, il Mossad.
Società e fratellanze segrete hanno sollevato sospetti tra alcuni dei non appartenenti. Una società segreta è in genere un'organizzazione della quale i membri non rivelano né l'esistenza, né la propria adesione ad essa, a volte prestando uno specifico giuramento di segretezza. Tuttavia, il termine viene sovente impiegato nelle teorie del complotto anche per riferirsi a fratellanze come la massoneria o gli Skull and Bones (Ossa e Teschio, ritratti nella bandiera dei pirati), che di norma non nascondono la propria esistenza o persino le liste dei propri aderenti, ma che vengono comunque sospettate di nascondere particolari credenze o perseguire programmi politici segreti. La teoria del complotto sui massoni risale alla fine del Settecento. I massoni vennero accusati di aver organizzato la Rivoluzione Francese e quella Americana, gli omicidi di Jack lo Squartatore, il declino della religione e di aver dominato la politica del Partito Repubblicano degli USA.  Gli Illuminati di Baviera, una società segreta tedesca collegata alla massoneria, figurano anch'essi nelle teorie del complotto dell'epoca. I Rosacroce e il fantomatico Priorato di Sion, col suo enigmatico motto Et in Arcadia ego, sono anch'essi popolari soggetti di teorie della cospirazione. Tutti i pontefici cattolici degli ultimi tre secoli sono oggetto di teorie del complotto. Alcuni credono che la massoneria venne condannata dalla Chiesa principalmente per la sua concezione secondo la quale tutte le religioni sarebbero uguali; questa visione era diametralmente opposta al credo di gran parte delle religioni, secondo le quali esiste una sola vera religione. Poiché molti cattolici e alcuni protestanti oggi concordano con i principi massonici condannati dalla Chiesa, sono emerse nuove teorie sui massoni, come quella secondo la quale essi sarebbero degli adoratori del diavolo. Altri sostengono invece che queste opinioni sulle origini della teoria del complotto sui massoni sono esse stesse una teoria del complotto. In Italia è stato provato, sia dalla magistratura che dall'apposita Commissione Parlamentare, che la loggia massonica italiana P2 era in effetti un'organizzazione segreta che mirava a prendere il possesso delle leve del potere in Italia (vedi il suo Piano di rinascita democratica).
-  I Rastafariani sostengono che un patriarcato razzista bianco ("Babylon") controlla il mondo allo scopo di opprimere i neri. Essi credono che l'imperatore Haile Selassie d'Etiopia non morì e che i media, controllati dai bianchi razzisti (ancora una volta "Babylon"), diffusero la voce della sua morte allo scopo di schiacciare il rastafarianismo e il suo messaggio millenarista volto a rovesciare Babylon. I Rastafari, comunque, credono nella pace e nell'unione, e interpretano Babylon specialmente come una metafora del "sistema" stabilito che opprime le minoranze, come i neri e i poveri.
-  Le "tecnologie soppresse" (o nascoste) portano le teorie del complotto dal campo della politica a quello dell'economia. Una tipica storia di tecnologia soppressa sostiene che fu inventato un carburatore per automobili incredibilmente efficiente, il cui inventore sarebbe stato presumibilmente ucciso, o fatto comunque sparire, dalle compagnie petrolifere, desiderose di proteggere i loro affari da una invenzione che, consentendo notevolissimi risparmi di carburante, avrebbe causato loro gravissimi danni economici. Questa teoria è in genere considerata una leggenda metropolitana. Alcuni teorici del complotto medico sostengono che la comunità medica - se solo lo volesse - sarebbe attualmente in grado di curare malattie considerate "incurabili", come il cancro o l'AIDS, ma che invece preferirebbe sopprimere le cure in modo da poter estorcere più fondi al governo e ai donatori o, secondo altre versioni, per favorire i giganteschi interessi economici delle industrie farmaceutiche.È tuttavia vero che, dal 2005, tutti i nuovi farmaci sono sottoposti ad almeno 20 anni di protezione del brevetto e questo rende inaccessibili alcune cure, in particolare contro l'AIDS, nei paesi meno ricchi. Il "Cartello Phoebus", costituito nel 1924, sembra certamente aver fermato la competizione nell'industria delle lampadine per alcuni anni, ed è stato accusato di aver prevenuto l'innovazione tecnologica che avrebbe prodotto lampadine di maggior durata. Si è sostenuto che il motore diesel Elsbett, che funziona con oli vegetali, abbia dovuto confrontarsi con accuse di pratiche anti-competitive È per altro vero che sin dall'inizio del XX secolo gli oli minerali furono imposti come carburante standard per motori diesel, sebbene tali motori possano generalmente funzionare anche con oli vegetali. Anche la ricerca sull'auto elettrica, che di fatto ha portato a pochi esemplari in commercio (quasi dei prototipi), viene dipinta come ostacolata dalle lobby del petrolio.
- I motivi per cui gli Stati iniziano, partecipano o terminano le guerre sono spesso oggetto di controversie e sospetti. Come nel caso degli assassinii, la domanda che viene spesso posta dai sostenitori delle teoria del complotto è: «chi ne trae beneficio diretto?».Per decenni, una risposta comune è stata «i produttori di munizioni». Secondo questo punto di vista, c'è sempre un gruppo, all'interno di una nazione che trae beneficio dall'andare in guerra, per qualsiasi pretesto: i venditori di armi e altro materiale bellico.Collegata a questa è l'accusa che certe guerre, che i politici dichiarano essere nell'interesse nazionale o per scopi umanitari, siano in realtà motivate dalla conquista e dal controllo di risorse naturali per interessi commerciali. Nella guerra Ispano-Americana del 1898, l'esplosione della USS Main spinse all'annessione statunitense di Porto Rico, Filippine e Guam. In tempi più recenti, le guerre nel Medio Oriente, come la guerra del Golfo e l'invasione dell'Iraq, sono state descritte come guerre per il petrolio. Durante il XX secolo gli Stati Uniti sono stati spesso accusati della pianificazione di colpi di stato all'estero per interessi commerciali, come nel rovesciamento, nel 1954, del presidente del Guatemala ed il golpe cileno del 1973. Rientrano in questa categoria progetti tecnologici come l'HAARP, l'irrorazione di scie chimiche.
-  Le profezie apocalittiche, in particolare quelle contenute nell'Apocalisse di Giovanni (chiamato anche Libro delle Rivelazioni) e quelle escatologiche, sul giudizio universale e la fine del mondo (o la fine del tempo), hanno ispirato una serie di teorie del complotto. Molte di queste hanno a che fare con l'Anticristo, l'incarnazione del male terreno dell'Apocalisse di Giovanni. Questo anticristo, noto anche come la Bestia 666, dovrebbe essere un leader che creerà un impero mondiale e opprimerà i cristiani (e in alcune versioni anche gli ebrei). Nelle teorie del complotto apocalittiche, alcuni personaggi dell'attualità sono sospettati di essere l'anticristo e alcune organizzazioni (come la Chiesa cattolica o le Nazioni Unite) sono sospettate di essere la maligna organizzazione mondiale dell'anticristo.Innumerevoli figure storiche sono state chiamate "anticristo" ai loro tempi, dall'imperatore romano Nerone a Ronald Reagan. La speculazione apocalittica si è talvolta mischiata all'anticattolicesimo sostenendo l'interpretazione secondo la quale il papa regnante è l'Anticristo biblico. Un'interpretazione più recente vede l'Anticristo come un leader mondiale coinvolto nelle Nazioni Unite, che creerà un «unico governo mondiale» e stabilirà un unico sistema monetario. Quest'ultimo viene identificato con il Marchio della bestia, che la Bibbia sostiene sarà necessario alle persone alla fine dei tempi allo scopo di condurre i commerci. Due nazioni spesso coinvolte nelle teorie apocalittiche del complotto sono Israele e l'Iraq. La prima è quella in cui si trovano il Monte del Tempio e Armageddon (Megiddo), luoghi considerati importanti dalle profezie. La seconda è l'antica ubicazione di Babilonia, che compare anch'essa nelle Rivelazioni di Giovanni.
-  Diverse teorie del complotto sono state sviluppate a riguardo degli attentati dell'11 settembre 2001, molte delle quali concordano nell'ipotizzare che gli Stati Uniti stessi, secondo i loro sostenitori, avrebbero avuto delle responsabilità (attribuite in misura diversa a seconda delle versioni) negli attentati. Una delle teorie alternative più ricorrenti vorrebbe che i servizi segreti americani (CIA) ed individui facenti parte del governo USA sapessero in anticipo degli attacchi e permisero di proposito che accadessero, perché questi attacchi avrebbero creato il consenso dell'opinione pubblica per un'invasione dell'Afganistan, dell'Iraq, altre azioni aggressive di politica estera e forti restrizioni delle libertà personali negli USA. I sostenitori puntano il dito contro il Progetto per un nuovo secolo americano, un think tank (gruppo di studiosi) neoconservatore che propone una strategia per guadagnare in via definitiva agli Stati Uniti una schiacciante leadership globale. Tra gli ex membri di tale gruppo si trovano l'ex segretario alla Difesa Donald Rumsfeld, il vice presidente Dick Cheney e diversi altri uomini chiave dell'amministrazione di George W. Bush. Nel loro progetto, redatto ben prima dell'11 settembre 2001, il gruppo sostiene che «alcuni eventi catastrofici e catalizzanti — come una nuova Pearl Harbor» sarebbero necessari per spostare rapidamente l'opinione pubblica a favore delle teorie politiche da essi propugnate, rendendo così più spedito lo sviluppo della loro strategia. I sostenitori di tale teoria fanno inoltre notare i legami tra Bush e l'Arabia Saudita, la nazione di origine di 15 dei 19 dirottatori, il fatto che le riprese video dell'attacco al Pentagono sono state sequestrate e mantenute segrete fino al 2006, le voci secondo cui a diversi importanti personaggi pubblici fu detto di non volare quel giorno, e l'iniziale opposizione di Bush a una commissione che investigasse sugli attacchi.
- Strage di Ustica e strage di Bologna: sarebbero state la prima un avvertimento e la seconda la punizione attuata dagli USA per la partecipazione italiana alle olimpiadi di Mosca del 1980 boicottate da molti stati occidentali e che secondo gli Usa anche l'Italia avrebbe dovuto boicottare.
- Fidel Castro: gli sbandierati piani della CIA tesa ad ucciderlo farebbero parte della facciata "ufficiale" della CIA, la quale invece ne avrebbe favorito l'ascesa al potere allo scopo di rendere vicino e reale il pericolo comunista nell'opinione pubblica americana.
-  Un dibattito del XX secolo che ha fatto discutere è quello se l'allunaggio dell'Apollo 11 nel 1969 sia realmente avvenuto. I complottisti ipotizzarono che la NASA, su pressione del governo USA, avesse finto l'atterraggio usando effetti speciali coordinati dal regista Kubrick, dato che il governo voleva dare uno smacco all'URSS, prossima a tentare l'impresa, che credeva volesse annettersi il suolo lunare.(guarda il video)
Queste sono solo alcune delle tesi complottiste, diverse nel loro grado di attendibilità, che si possono trovare negli ambienti dei poteri occulti. Vi invito ad informarvi e scegliere la teoria che più vi apassiona. Ovviamente andateci con i piedi di piombo, divertitevi e ragionate.

Rivolgendo lo sguardo all' Italia, il mondo del complottismo ruota intorno a tre soggetti principali: il giornalista ed europarlamentare Giulietto Chiesa, il giornalista e scrittore Maurizio Blondet, ed  il regista e fotografo Massimo Mazzucco.
Alla fine del 2007 Giulietto Chiesa ha presentato a Roma il suo film “Zero - Perché la versione ufficiale sull’11 settembre è un falso”. Maurizio Blondet è invece il complottista degli “israeliani danzanti”. Una delle sue teorie è quella che le Twin Towers sarebbero state minate e demolite da cinque israeliani di una ditta di traslochi. E' il direttore della rivista on-line Effedieffe. C'è chi sostiene che quasi  tutte le informazioni contenute nei suoi articoli sono inventate di sana pianta, come testimonia il blog Perle Complottiste, interessantissimo blog che si preoccupa di smentire, documentando, tutte le bufale provenienti dal mondo complottista. Massimo Mazzucco è invce il responsabile di Luogocomune.net dove trovano spazio per le teorie sulla Terra Cava (tutti noi vivremmo all’interno della Terra, non sulla sua superficie), per i complotti sull’assassinio dei Kennedy,cure alternative al cancro, perfino per i “crop circle” (i cerchi nel grano).
Da segnalare due siti interessanti: quello di Paolo Franceschetti, avvocato e docente che si occupa prevalentemente dei poteri occulti che ruotano attorno alla mafia ed alla massoneria. Un blog interessantissimo e privo dei soliti deliri complottistici. L'altro sito è disinformazione.it gestito da Marcello Pamio.Una sorta di raccoglitore di notizie, articoli e pubblicazione che non ricevono risalto dai media controllati dall'estabilishment economico-finanziaria e smascherare le opinioni manipolate di proposito.
Ecco una piccola panoramica su questo mondo.
Un insieme di testi, teorie e dati che bisogna saper maneggiare. Ripeto: da usare come momento di svago oppure, partendo da quelle più plausibili, da utilizzare per capire gli inganni delle verità ufficiali e stare sempre allerta per non cadere negli inganni del sistema.

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. massoneria complottismo poteri occulti

permalink | inviato da rizzocitizen il 14/4/2009 alle 15:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
musica
1 maggio 2008
Num me reggecchiù!!!!




........Una morte prematura, una grave perdita per un paese troppo ingessato, privo di senso critico. Chissà come avrebbe commentato e cantato gli avvenimenti degli ultimi vent’anni. Penso a tangentopoli, allo stragismo mafioso, al degrado politico e culturale Berlusconiano.....

Leggi tutto il post (e cantava le canzoni),  dedicato al grande Rino Gaetano, da me pubblicato su Byte Liberi.
Ci sono particolari agghiaggianti sulla sua morte, ripresi da un articolo riguardante gli omicidi massonici.

"Vedo già la mia salma portata a spalle da gente che bestemmia, che ce l'ha con me"
(
Rino Gaetano)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. musica massoneria rino gaetano tributo

permalink | inviato da rizzocitizen il 1/5/2008 alle 13:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
POLITICA
17 aprile 2008
Signor...aggio!!






"Il signoraggio è una truffa monetaria e psicologica a cui tutti noi siamo soggetti. Questa truffa si nasconde e si potenzia dietro una cortina di silenzio e di morte e ha attraversato gli ultimi 300 anni senza lasciar trapelare nulla della propria esistenza"

Ma cos'è realmente il signoraggio? In pochi lo conoscono e ne percepiscono i suoi aberranti effetti. Praticamente ignorato dai grandi media, si trovano informazioni solo in rete.
Cercherò di spiegarlo in maniera abbastanza semplice ed illustrare le sue conseguenze.
Tecnicamente il signoraggio è il guadagno che deriva dal produrre moneta. Attualmente sono le banche centrali che si occupano di stampare moneta.
Creare una moneta ha dei costi, dovuti alla materia prima, alla manodopera,le tecniche anticontraffazione, ecc.L’insieme di tutti questi costi vanno a determinare il suo valore intrinseco. La moneta però riporta sulla facciata un numero che indica un altro valore:il valore nominale (o, per l’appunto, DI FACCIATA o anche LEGALE).
I due valori (intrinseco e nominale) differiscono tra loro e la loro differenza determina quello che si chiama signoraggio ossia il guadagno che ha chi ha creato quella moneta.
Anticamente le monete metalliche erano in oro e quindi con un valore intrinseco piuttosto alto. Il “signore" che coniava queste monete imprimeva loro un valore nominale più alto per poterci guadagnare e permettersi così un “aggio” economico notevole. Ad esempio con 9 grammi d’oro si poteva coniare una moneta e dire che era da 10 gr. d’oro (ma in realtà composta da 9 gr. d’oro + 1 gr. di metallo non nobile). La differenza tra valore nominale (10) e valore intrinseco (9) era il signoraggio (un grammo d’oro per moneta).
Quando all’oro si è sostituita la carta il discorso è peggiorato (per noi) e il signoraggio è arrivato a quasi il 100%. Infatti per stampare una banconota da 5 euro o una da 500 euro bastano 30 centesimi di euro e consideriamo anche che tale banconota non è più legata all’oro (non ha più ‘copertura’ e non è più ‘convertibile’). Questo vuol dire che il Signore moderno, ossia chi oggi crea moneta (ad esempio la BCE in Europa o la Federal Reserve negli USA) ha un potere enorme. Infatti questi organi privati (tutte le Banche Centrali sono private) possono ricattare o comunque influenzare intere Nazioni. Basti pensare che la Banca Mondiale nega prestiti a quei Paesi che non accettano di privatizzare il settore dell’acqua potabile! E questo è solo un esempio.
Dunque eliminare la banconota (moneta cartacea) elimina, per le signore banche, il ‘costo’ e aumenta al 100% il signoraggio sulla moneta elettronica. Inoltre la moneta è sottoposta ad un interesse (ad. es. 3%) che fa lievitare il debito dei cittadini di un Paese sovrano oltre il valore nominale della moneta stessa!
In pratica una moneta (banconota) da 100 euro costa al cittadino 103 euro e al Banchiere solo 30 centesimi.
Questo è il signoraggio.
Si potrebbe ovviare a tutto ciò in un modo molto semplice:basterebbe infatti che lo Stato, finalmente Sovrano, emettesse moneta senza debito, come fa, ad esempio, con le monete metalliche (naturalmente quelle con valore nominale maggiore del valore intrinseco, ad esempio i pezzi da 50 centesimi, 1 e 2 euro). 
In sostanza la moneta è prestata allo Stato dalla Banca Centrale Europea dietro la cessione di obbligazioni e CCT, che poi noi cittadini dobbiamo rimborsare, tramite le tasse!
La Banca Centrale è solo una tipografia e si comporta come se fosse la padrona della banconota! E' come se il proprietario di un  teatro si sentisse dire dal tipografo: «Considerato che l'ingresso al tuo spettacolo «vale» 30 allora i biglietti da me stampati te li affitto e me li paghi € 31»
Ecco perchè l'emissione decisa, controllata e gestita da entità private, dovrebbe spettare a governi democraticamente eletti.
Ma allora perchè lo stato non si stampa da solo i suoi soldi???? Qui le cose si fanno più complicate. Una tesi molto sostenuta in rete punta sul fatto che  i politici sono i servitori dei "grassi banchieri" e che fanno parte di  un intreccio tra politica, finanza e massoneria.
Per saperne di più:

Introduzione al signoraggio (video youtube)

Cos'è il signoraggio

signoraggio.com


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. massoneria signoraggio banche moneta

permalink | inviato da rizzocitizen il 17/4/2008 alle 22:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
blog letto 1 volte



Se stai vedendo un video dal blog, o semplicemente non vuoi ascoltarla, premi pausa




Iscriviti al Feed


Contattami :
signorizzo@hotmail.it


RICEVI GLI ARTICOLI
TRAMITE MAIL

inserisci qui il tuo indirizzo




"Lei è un coglione."
"Maledizione, un'altra fuga di notizie!"
(Altan)

Nel tempo dell'inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario.
(George Orwell)

Quando i missionari vennero per la prima volta nella nostra terra, loro avevano le Bibbie e noi avevamo la terra. Cinquant'anni dopo, noi avevamo le Bibbie e loro avevano la terra.
(Jomo Kenyatta primo presidente del Kenya dopo l'indipendenza)

Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.
(Berthold Brecht)







BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Politics blogs Political Blogs - Blog Catalog Blog Directory

http://www.wikio.it


www.kilombo.org

Free Blogger

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Cerca




IL CANNOCCHIALE